Autoformazione

الخيارات الثنائية لا إيداع مكافأة نوفمبر 2017 Aleksandra Kollontaj

köpa Viagra utan recept

binär optionen mindesteinzahlung opzioni binarie gioco d'azzardo Domenica 13 novembre 2016 | ore 10.30 
no deposit binary options 2017 Conferenza audio SKYPE 
Incontri di approfondimento storico-politico (IASP)

i need to buy Maxalt in Anchorage Alaska Ciclo di incontri sui movimenti delle donne. Terzo incontro
http://restauracefantasy.cz/?kljaksade=bdswiss-de-anmelden bdswiss de anmelden La rivoluzione delle donne | Dalla rivoluzione sessuale alla deriva del femminismo 
Relazione introduttiva di  http://tukani.cz/?pimono=opciones-binarias-ronaldo&c01=16 opciones binarias ronaldo Giulia 

hedging binära optioner Con questo terzo incontro terminiamo la breve rassegna sugli elementi fondamentali che hanno caratterizzato lo sviluppo dei movimenti delle donne. Nei primi due incontri avevamo analizzato la fase che intercorre tra la Rivoluzione francese e quella socialista del 1917 e quella che intercorre tra la prima e la seconda guerra mondiale. In questo terzo incontro affronteremo la fase che inizia, grosso modo, con la cosiddetta «rivoluzione sessuale» e che arriva fino ai giorni nostri, passando attraverso la critica differenzialista dell’emancipazionismo e del femminismo socialista, per arrivare fino alla derivapost-moderna che domina la scena attuale.

binaire opties veel geld verdienen Primo incontro | Le donne tra due rivoluzioni. Dalla Rivoluzione francese alla Rivoluzione d'ottobre

köpa kvinnlig Viagra Secondo incontro | Le donne tra due guerre. Dalla prima alla seconda guerra mondiale. Le donne sotto il fascismo e nella resistenza

opzioni binarie xtb köp Sildenafil Citrate online flashback Materiali

ordering metformin over the counter Università di Roma | Il pensiero e la critica letteraria femminista

Monia Andrani (Università per stranieri di Perugia e Università di urbino) | Filosofia della differenza


Assata Shakur

«Se poi qualcuno, qualche partigiano della loro Brigata le interrogava sulla Patria, sul perchè si esponevano ai pericoli della lotta clandestina, esse non sapevano cosa rispondere. Intuivano solo, frammezzo ai confusi sentimenti dell’animo, che era giusto farlo per «cambiare qualcosa», ma cosa non sapevano; e in quel momento pensavano ai giovani e agli uomini del loro paese - imbianchini, contadini, muratori - che soffrivano e morivano sulle montagne quando non finivano impiccati ai pali della luce sull’orlo delle strade; alle numerose famiglie cui era stata incendiata la casa; all’ansia delle madri e, anche, alle loro aspirazioni che avrebbero potuto divenire realtà un domani, quando quel qualcosa di cui non sapevano ancora sarebbe cambiato. A loro, in fondo, bastava questo, e anche sapere che l’umile gente del loro paese era in mezzo alla «cosa» in maniera volontaria, senza essere stata obbligata da qualche autorità. Bastava solo questo per dar loro garanzia del futuro».
 
Tina Merlin, Calze e scarponi (tratto da La casa sulla Marteniga)

 

«A Pietroburgo, a Mosca, nelle città e nei centri industriali, il comportamento delle donne proletarie durante la rivoluzione fu superbo. Senza di loro, molto probabilmente non avremmo vinto. Questa è la mia opinione. Di quale coraggio hanno dato prova, e quale coraggio mostrano ancora oggi! Immaginatevi tutte le sofferenze e le privazioni che sopportano... Ma resistono bene, non si piegano, perché difendono i Soviet, perché vogliono la libertà e il comunismo». «Noi odiamo, sì, odiamo tutto ciò che tortura e opprime la donna lavoratrice, la massaia, la contadina, la moglie del piccolo commerciante e, in molti casi, la donna delle classi possidenti. Noi rivendichiamo dalla società borghese una legislazione sociale a favore della donna perché della donna noi comprendiamo la situazione e gli interessi ai quali dedicheremo le nostre cure durante la dittatura del proletariato. Naturalmente non come fanno i riformisti, non facendo uso di blande parole per convincere le donne a starsene inattive, non tenendole alla briglia. No, naturalmente no, ma, come si conviene a rivoluzionari, chiamandole a lavorare da pari a pari per trasformare la vecchia economia e la vecchia ideologia».
«Dovete trovare il modo di raggiungere le donne che il capitalismo ha gettato nella miseria più spaventosa. Dovete trovarlo, dovete. Non ci si può sottrarre a questa necessità. Senza un'attività organizzata di massa sotto la direzione dei comunisti non ci può essere vittoria sul capitalismo né edificazione del comunismo. Ecco perché le donne finiranno col ribellarsi...».
 
Clara Zetkin, Lenin e il Movimento femminile

forex scandal explained Materiali preparatori

AA.VV. - La rivoluzione delle donne, Autoproduzioni, eBook, PDF, A5, 32 pagine, Nuova edizione, 2011

 

IAT | Sull'uso politico della paura

IAT | Introduzione del 1859 a "Per la critica dell'economia politica"

Antiper | La rivoluzione delle donne. Ciclo di incontri sui movimenti delle donne

IAT | La rivoluzione proletaria e il rinnegato Kautsky

IAT | Nell'acquario di Facebook

IAT | La tecnica del male

IAT | Incontri con Lenin

IAT | Foucault, Von Clausewitz, Marx. La politica come continuazione della guerra con altri mezzi

IAT | L'economicizzazione del conflitto di classe

IAT | Il "doppio movimento" e la costruzione statale del libero mercato in Karl Polanyi

IAT | Althusser. Ideologia e apparati ideologici di Stato

IAT | Violenza e non violenza nell'era atomica. Legittima difesa e stato di necessità in G. Anders

IAT | Understanding media. Il mezzo è il messaggio

IAT - Dalla società dello spettacolo all'uomo-spettacolo

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 3

 

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 2

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 1

IAT | La giustizia di Trasimaco

IAT | L'uomo dalla Caverna al non ancora esistente

IAT | Euro o non euro. Questo e il problema?

IAT | Rileggere il Capitale

Cicolo di incontri | Rileggere 'Il capitale'

1917-2017 | 100 anni dalla Rivoluzione d'Ottobre

1867-2017 | 150 anni dalla pubblicazione del primo libro del Capitale di Karl Marx

Finisca il tempo dei mezzi termini "politically correct"

 

 
«Mi piace molto il pubblico autentico isolamento in cui ci troviamo ora noi due, tu ed io. Corrisponde del tutto alla nostra posizione e ai nostri principi. Il sistema delle reciproche concessioni, dei mezzi termini tollerati per correttezza, e il dovere di assumersi davanti al pubblico la propria parte di ridicolaggine insieme con tutti questi somari del partito, son cose finite»
 
Da Franz Mehring, Vita di Marx, L'esilio a Londra, Vita d'esule

Quattordici anni. Riletture della nostra storia

Chi è online

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

VCNT - Visitorcounter

250299 (0)

social

Feed RSS  Facebook  Twitter