Autoformazione

Ottobre | 100

 
Una verità che troppo spesso dimentichiamo e che viviamo nell'era atomica; nell'era, cioè, in cui l'autodistruzione dell'umanità non è più una semplice fantasia, ma una concreta possibilità. Di fronte a questo pericolo che incombe sull'intero genere umano, la resistenza contro chi detiene le leve del potere e ci spinge incontro alla morte è un atto di "legittima difesa" che deve potersi realizzare in tutta la propria efficacia perché collocato in uno "stato di necessità" ormai permanente.
 
Di fronte alla minaccia di un possibile annientamento globale è giusta, è necessaria, secondo Günther Anders, la difesa totale e globale di tutti i minacciati. Solo le persone più ignobili possono avere il "coraggio della viltà" e non opporre alcuna resistenza materiale ed intellettuale.
 
L'epoca delle manifestazioni "come se...", delle coreografie di piazza, delle rappresentazioni "teatrali" di battaglie non combattute; l'epoca del gesto estetico, degli happenings tanto roboanti quanto inconcludenti e auto-referenziali, buoni solo per la società dello spettacolo... prima o poi finirà. La guerra, quella vera, è intorno a noi. E noi siamo già dentro la guerra, anche se non lo capiamo, o fingiamo di non capirlo. Ed anzi stiamo già combattendo, anche con il nostro silenzio, con la nostra indifferenza.
 
Fukushima ha riportato alla mente l'incubo di Chernobyl e Chernobyl ha riportato alla mente l'incubo di Hiroshima. Gli uomini hanno imparato a convivere con la morte globale. O se ne sono dimenticati. O non sono neppure in grado di concepirla. Ma le contraddizioni che il capitalismo accumula giorno dopo giorno prima o poi esploderanno e questa esplosione ci troverà impreparati e increduli; solo allora ci renderemo conto, in un attimo, di aver perso tempo a giocare mentre il mondo correva verso la catastrofe sociale e ambientale.
 
 
 
 
Günther Anders e Claude Eatherly | Burning Conscience. The Case of the Hiroshima Pilot
 
 
Günther Anders | La resistenza atomica
 
Günther Anders | L’uomo è antiquato. Considerazioni sull’anima nell’epoca della seconda rivoluzione industriale [Ladri di biblioteche] [Volume 1] [Volume 2]
 
 
 
 
 
Umberto Galimberti | Educare l'anima ai tempi della tecnica (video)
 
 

IAT | Sull'uso politico della paura

IAT | Introduzione del 1859 a "Per la critica dell'economia politica"

Antiper | La rivoluzione delle donne. Ciclo di incontri sui movimenti delle donne

IAT | La rivoluzione proletaria e il rinnegato Kautsky

IAT | Nell'acquario di Facebook

IAT | La tecnica del male

IAT | Foucault, Von Clausewitz, Marx. La politica come continuazione della guerra con altri mezzi

IAT | L'economicizzazione del conflitto di classe

IAT | Il "doppio movimento" e la costruzione statale del libero mercato in Karl Polanyi

IAT | Violenza e non violenza nell'era atomica. Legittima difesa e stato di necessità in G. Anders

IAT | Understanding media. Il mezzo è il messaggio

IAT - Dalla società dello spettacolo all'uomo-spettacolo

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 3

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 2

IAT | Introduzione alla storia delle teorie sulla crisi - 1

IAT | L'uomo dalla Caverna al non ancora esistente

IAT | Euro o non euro. Questo e il problema?

IAT | Rileggere il Capitale

Cicolo di incontri | Rileggere 'Il capitale'

1867-2017 | 150 anni dalla pubblicazione del primo libro del Capitale di Karl Marx

Finisca il tempo dei mezzi termini "politically correct"

 

 
«Mi piace molto il pubblico autentico isolamento in cui ci troviamo ora noi due, tu ed io. Corrisponde del tutto alla nostra posizione e ai nostri principi. Il sistema delle reciproche concessioni, dei mezzi termini tollerati per correttezza, e il dovere di assumersi davanti al pubblico la propria parte di ridicolaggine insieme con tutti questi somari del partito, son cose finite»
 
Da Franz Mehring, Vita di Marx, L'esilio a Londra, Vita d'esule

Quattordici anni. Riletture della nostra storia

Chi è online

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

VCNT - Visitorcounter

268975 (38)

social

Feed RSS  Facebook  Twitter