Neo-liberismo e anti-neo-liberismo tra Stato e mercato

Fin dalle origini il capitalismo ha posto, l'uno di fronte all'altra, "mercato" e "società". Questa contraddizione ha generato, secondo Karl Polanyi, un "doppio movimento": da un lato la tendenza del capitalismo a sottomettere alla propria logica riproduttiva ogni ambito della vita; dall'altro, l'insorgere di resistenze che si oppongono a questa sottomissione e cercano di ostacolarla, in una sorta di "autodifesa della società". 
Sebbene si senta spesso ripetere che il "libero mercato" sarebbe un mercato liberato dal soffocante controllo dello Stato in realtà il mercato "autoregolato" (come lo chiama Polanyi) non è affatto un prodotto spontaneo della storia, ma il risultato di una ben precisa azione dello Stato stesso che ha avuto un ruolo decisivo non solo nella sua creazione - e nella creazione della "società di mercato" ad esso associata -, ma anche nel suo controllo, non esistando a distruggere qualsiasi parvenza "democratica", attraverso i fascismi del '900, per difendere la società del capitale (e del resto Polanyi ebbe a dire che “per comprendere il fascismo tedesco, bisogna rivolgersi all’Inghilterra ricardiana” intendendo evidenziare una certa linea di continuità tra l'idea mercatista dell'800 e alcuni esiti politici secolo successivo)
 
 
 

Antiper | La rivoluzione delle donne. Ciclo di incontri sui movimenti delle donne

IAT | La rivoluzione proletaria e il rinnegato Kautsky

IAT | Nell'acquario di Facebook

IAT | Foucault, Von Clausewitz, Marx. La politica come continuazione della guerra con altri mezzi

IAT | Il "doppio movimento" e la costruzione statale del libero mercato in Karl Polanyi

IAT | Rileggere il Capitale

Cicolo di incontri | Rileggere 'Il capitale'

1867-2017 | 150 anni dalla pubblicazione del primo libro del Capitale di Karl Marx

Finisca il tempo dei mezzi termini "politically correct"

check out this site  

http://donaldinsallassociates.co.uk/?pista=777-binary-broker-australia&cd0=52
 
«Mi piace molto il pubblico autentico isolamento in cui ci troviamo ora noi due, tu ed io. Corrisponde del tutto alla nostra posizione e ai nostri principi. Il sistema delle reciproche concessioni, dei mezzi termini tollerati per correttezza, e il dovere di assumersi davanti al pubblico la propria parte di ridicolaggine insieme con tutti questi somari del partito, son cose finite»
 
Da Franz Mehring, Vita di Marx, L'esilio a Londra, Vita d'esule